I Nostri Fratelli dello Spazio

Loro vogliono stabilire un contatto con noi ma noi invece di riceverli con vero rispetto e amore, invece di offrirgli ospitalità, gli inviamo aerei-caccia per intercettarli. Tutti vorrebbero distruggerli, ci stiamo veramente comportando come selvaggi, estranei a ogni civiltà e cultura.

È giunta l’ora di cambiare il nostro atteggiamento bellicoso e di offrire ai nostri fratelli visitatori dello spazio la nostra amicizia e il nostro affetto. Loro vengono ad aiutarci non a distruggerci.

Noi fratelli gnostici dobbiamo cominciare a dare l’esempio, mettendo sui terrazzi delle nostre case, nel nostro paese, nei nostri terreni, dei segnali di amicizia, dei cerchi con un punto al centro. Dal punto partono delle linee che si dirigono verso la periferia e dalla periferia partono piccole linee che non arrivano al centro ma si capisce che vanno verso di esso, verso il punto.

I Nostri Fratelli dello Spazio

SOLIN SALA RA
(Tutto esce dalla Divinità e torna alla Divinità)

Fate in modo che il punto del centro sia di un bel colore dorato per simboleggiare la Divinità.

Le linee che dalla periferia si dirigono al centro, verso il punto, possono essere azzurre, tante e corte. Le linee che dal centro vanno verso il cerchio e che chiaramente collegano il punto con la circonferenza possono essere anch’esse di colore azzurro.

Questo è il simbolo della Divinità nella Religione Marziana. Noi possiamo usarlo mettendolo sulle nostre case, nei nostri terreni, facendolo con dei fuochi luminosi o semplicemente dipingendolo, per stabilire una relazione amichevole con gli abitanti di Marte e di tutto il Cosmo.

Tale simbolo significa: “Tutto esce dalla Divinità e torna alla Divinità”.

Usate questo simbolo per offrire amicizia agli abitanti dello spazio, anche se i furfanti rideranno di noi. Voi tutti sapete già chi sono i furfanti, sono scettici al cento per cento, si presumono super civilizzati, si credono molto saggi e usano la satira e la sottile ironia contro tutti quelli che non vogliono pensarla come loro.

Comments are closed.